La stanchezza è definita come la mancanza di forza per svolgere un lavoro intellettuale, emotivo o fisico o per mancanza di riposo. Questo può essere un sintomo di qualche malattia, ma la verità è che molti di noi sentono quella stanchezza ogni giorno, generalmente, senza una patologia che la causa.

Spesso, infatti, possiamo sentire la stanchezza a causa di molteplici situazioni: delusione, fastidio, noia, mancanza di sonno, molto lavoro, noia. Queste sono classiche situazioni che portano a stanchezza e possono anche essere considerate normali.

Tuttavia, quando si verifica questa fatica quotidianamente e per la maggior parte del tempo può essere causato da qualche patologia. Vediamo cosa può causare la normale fatica e come si differenzia dalla fatica considerata “patologica”.

Cause di stanchezza: situazioni normali

Potremmo considerare “normale” cioè che nasce a causa delle circostanze che affrontiamo nella nostra vita quotidiana. Esempi di ciò possono essere: stress, preoccupazioni e nervosismo. Questi fattori ci influenzano quotidianamente e possono sorgere per vari motivi.

In generale, tutti rispondono a un momento di tensione emotiva, sforzo fisico o mancanza di sonno e scompaiono dopo un adeguato periodo di riposo. Le cause più comuni di questo normale affaticamento potrebbero essere:

  • Sovraccarico di lavoro
  • Crescere i bambini piccoli
  • Gravidanza
  • Effetto collaterale di qualsiasi farmaco
  • Attività fisiche intense

Queste sono le cause più comuni per cui possiamo sentirci stanchi. Tuttavia, ci sono altre cause che possono portare a stanchezza patologica. Ad esempio, un riposo scorretto su attrezzature vecchie o errate per il nostro fisico, può causare sia dolori muscolari e ossei, sia stanchezza progressiva e permanente. È opportuno, quindi, considerare anche quest’ultimo aspetto scegliendo i migliori materassi, reti e guanciali per riposare al meglio.

Cause di stanchezza: affaticamento patologico

Le cause dell’affaticamento che abbiamo menzionato finora sono largamente risapute. Tuttavia, ci sono altri fattori che possono portare a una stanchezza più grave, considerati come affaticamento. Questi possono essere:

Muscoli deboli

Per quanto riguarda l’inizio della fatica, qualcosa di cui dovremmo occuparci è l’età e, con essa, il deterioramento o l’indebolimento dei muscoli che produce. Ed è che, invecchiando, i nostri muscoli si riducono progressivamente. In particolare, questo inizia a verificarsi soprattutto dal 40 circa anni, e influisce sia sulla nostra capacità funzionale che sulle nostre prestazioni nelle nostre attività quotidiane.

A seconda dello stile di vita che conduciamo, questo cambiamento si verifica in modo più o meno marcato. Quelle persone che mantengono una dieta equilibrata ed esercizio fisico, mantengono i muscoli meglio di quelle che non lo fanno. Questi ultimi potrebbero subire un maggior deterioramento funzionale che incide sulla loro qualità di vita.

In ogni caso, se la fatica si annida prima dei 40 anni, potrebbe essere necessario rivedere lo stile di vita che conduci. Avere uno stile di vita sano, contare su una dieta equilibrata e svolgere un regolare esercizio fisico è il modo per ridurre la debolezza muscolare e conservare la forza.

Carenze nutrizionali

Una dieta sbilanciata o uno scarso assorbimento di alcuni nutrienti può portare a carenze nutrizionali che a loro volta portano a stanchezza e debolezza. Carenza di ferro, vitamina C, magnesio o vitamine del gruppo B potrebbero causare tutto ciò.

Depressione

Anche se può sembrare strano, la verità è che la depressione può essere una causa o una predisposizione a soffrire di affaticamento patologico o stanchezza. In effetti, tanto che una grande percentuale di persone con disturbo depressivo maggiore soffrono anche di stanchezza cronica. Gli antidepressivi, inoltre, possono svolgere un ruolo nello sviluppo della fatica.

Anemia

Un’altra causa comune che può portare a stanchezza patologica è l’anemia. Consiste in una diminuzione dei globuli rossi o dei livelli di emoglobina rispetto ai livelli considerati normali.

La causa più comune di questa patologia è la mancanza di ferro, un minerale necessario per produrre l’emoglobina. Può anche verificarsi perché i globuli rossi vengono distrutti o persi a una velocità maggiore. Ad esempio, la perdita di sangue acuta che può verificarsi in un’emorragia può portare all’anemia.

Ipotiroidismo

L’ipotiroidismo è un disturbo in cui la ghiandola tiroidea produce quantità insufficienti di ormoni cruciali. All’inizio, questa malattia potrebbe non presentarsi come sintomi evidenti. Tuttavia, uno dei primi sintomi che possono sorgere è la stanchezza.

Diabete

Il diabete è una malattia in cui i livelli di zucchero nel sangue (glucosio) non sono adeguatamente controllati. Questo squilibrio del glucosio può causare letargia, mancanza di energia e stanchezza. Ciò è dovuto, nello specifico, al fatto che la mancanza di insulina, che permette di ricavare energia dal glucosio, non da abbastanza energia alle cellule.

Insufficienza epatica

Quando il fegato non funziona correttamente, a volte causa alcuni sintomi. Uno dei più comuni è la debolezza e l’affaticamento, perché il fegato si occupa di eliminare le tossine dal corpo e queste possono causare affaticamento.

Malattia autoimmune

Malattie come l’artrite reumatoide o il lupus spesso comportano l’affaticamento come uno dei loro sintomi principali.

Inoltre, altre malattie che possono portare alla stanchezza come uno dei suoi sintomi principali sono:

  • Cancro
  • Sindrome da stanchezza cronica
  • Fibromialgia

Come queste, ci sono molte malattie che portano molte persone a soffrire giorno dopo giorno di stanchezza cronica.

Cause di stanchezza: il meccanismo di difesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.